Analisi musicale

Franco Donatoni – Lumen

Il 19 febbraio 1975 moriva Luigi Dallapiccola. Franco Donatoni, nell’intervista con Enzo Restagno in Autori Vari – Donatoni – EDT, esplicita il suo apprezzamento per Dallapiccola riferendo di due incontri con il compositore istriano; il primo di breve durata, il secondo più continuativo in occasione della riduzione dell’Ulisse per pianoforte che Donatoni doveva svolgere per …

Franco Donatoni – Lumen Leggi altro »

Claude Debussy – Nocoturnes – Nuages

In una lettera al principe Andre Poniatowski del settembre 1892 Debussy parla di una nuova composizione intitolata Trois scènes au crepuscule, che secondo Leon Vallas avrebbe dovuto comprendere tre brani per violino e orchestra, dedicati al famoso violinista belga Eugène Ysaye. Questi pezzi prevedevano un violino solista accompagnato prima dai soli archi, poi da un …

Claude Debussy – Nocoturnes – Nuages Leggi altro »

Claude Debussy – La Cathédrale engloutie

Il X preludio del primo libro, la Cathédrale engloutie, rappresenta un paradigma del linguaggio maturo di Debussy. Il brano, infatti, presenta alcune peculiarità che possiamo così riassumere: scale pentatoniche e modali (lidio, misolidio, ionico) in un tessuto comunque riferibile in qualche modo alla tonalità (do maggiore); inizio del brano con la dominante; parallelismi di accordi …

Claude Debussy – La Cathédrale engloutie Leggi altro »

Sergei Prokofiev – Sinfonia Classica op.25

Trascorsi l’estate del 1917 nella piú completa solitudine vicino a Pietroburgo; leggevo Kant e lavoravo molto. Il pianoforte l’avevo lasciato di proposito in città. Avevo l’intenzione di comporre un’opera sinfonica senza l’aiuto del pianoforte. In un’opera siffatta i timbri orchestrali avrebbero dovuto essere piú puri. Nacque cosí l’idea di una Sinfonia nello stile di Haydn, …

Sergei Prokofiev – Sinfonia Classica op.25 Leggi altro »

Maurice Ravel – Concerto per pianoforte e orchestra in Sol maggiore

I due concerti per pianoforte e orchestra di Ravel sono opere della maturità, un periodo nel quale l’artista componeva poco e con fatica. Del concerto in re maggiore, per la sola mano sinistra, abbiamo parlato in un post precedente clic Le mie preferenze personali vanno però sicuramente a quello in sol maggiore e in particolare …

Maurice Ravel – Concerto per pianoforte e orchestra in Sol maggiore Leggi altro »

W.A. Mozart – Quartetto per archi in Sol maggiore K.387

Nel 1781, dopo ben un decennio dalla composizione dei quartetti op.20, Haydn scrisse i sei quartetti op.33, secondo lo stesso autore composti “in uno stile particolare e completamente nuovo”. Le novità consistettero principalmente in un alleggerimento del tessuto musicale, con i quattro strumenti che acquistano praticamente pari importanza e che danno vita a un continuo …

W.A. Mozart – Quartetto per archi in Sol maggiore K.387 Leggi altro »

Alban Berg – Kammerkonzert

Il Kammerkonzert per pianoforte, violino e tredici strumenti a fiato segna nella produzione di Berg una netta cesura, dando inizio a quella che si può chiamare “seconda maturità”, e sarà la prima composizione che non recherà il numero d’opus. Dopo il compimento del Wozzek nell’ottobre 1921, la sua attività creativa si era fermata, dedicandosi alla …

Alban Berg – Kammerkonzert Leggi altro »

W.A. Mozart – Trio per clarinetto, viola, e pianoforte in Mi bemolle maggiore K.498

La passione di Mozart per i corni di bassetto (della famiglia dei clarinetti) è nota e allorquando, nel 1783, conobbe l’ottimo clarinettista Anton Paul Stadler, personificò in lui lo strumento. Per Stadler scriverà il quintetto K.581 e il concerto K.622, e per lui e il fratello Johann aggiungerà le parti dei clarinetti alla sinfonia in …

W.A. Mozart – Trio per clarinetto, viola, e pianoforte in Mi bemolle maggiore K.498 Leggi altro »

Johann Sebastian Bach – Fuga in Mi bemolle maggiore BWV 876 II volume CBT

J.S. Bach accompagna ogni pianista dai primi anni di studio fino al diploma. Si inizia con i 24 pezzi dal libro di Anna Magdalena, si passa alle Invenzioni a 2 e 3 voci, le Suite Francesi e Inglesi e finalmente al Clavicembalo ben temperato. Per lo studente di composizione non è così. Ci si limita …

Johann Sebastian Bach – Fuga in Mi bemolle maggiore BWV 876 II volume CBT Leggi altro »

L. van Beethoven – Sonata in Do minore op.10 n.1

Oggi vi voglio parlare del mio allievo più famoso, anche se in realtà venne da me occasionalmente, dal 1793 al 1802, per avere consigli sul modo di trattare in musica la lingua italiana. Sotto la mia guida Ludwig, che all’epoca aveva 23 anni, compose più di una ventina di duetti, terzetti e quartetti senza accompagnamento, …

L. van Beethoven – Sonata in Do minore op.10 n.1 Leggi altro »